e) Chiesa del Rosario




Chiesa della Beata Vergine del Rosario


Vista da via Butti

La Chiesa della Rosario vista da via Butti.
Disegno a china di Enrico Molina (1964)

A Viggiù la costruzione della chiesa della Beata Vergine del Rosario fu voluta per ospitare i padri domenicani che provenivano dal convento di Como e, durante la quaresima, offrivano il proprio apostolato di preghiera.

Si hanno notizie dell'edificio sin dal 1539, in esso avevano sede i padri domenicani e i membri della Confraternita del Santo Rosario.
Tra la fine del seicento e l'inizio del secolo successivo, per un contrasto con i padri domenicani, ospitati nella medesima struttura, si inizia, a cura dei confratelli, a edificare un nuovo oratorio dedicato a san Pietro Martire, alla Madonna delle Grazie e del Rosario.
La progettazione dell'edificio, nel 1618 è dovuta al noto architetto viggiutese Onorio Longhi.
Per problemi finanziari, il progetto non sarà portato a termine e le strutture verranno demolite a metà del XVIII secolo.
Abbandonato questo progetto, si decide di investire tutte le forze per il rinnovo del vecchio edificio che assume quindi l'aspetto attuale.

Vista dal campanile della Parrocchia

La Chiesa del Rosario vista dal campanile della Parrocchia.
Disegno a china di Enrico Molina (1970)

La chiesa della Madonna del Rosario sorge ai piedi della collina della Pessina dalle cui pendici è interessante una veduta d'insieme dell'edificio che permette di notare il contrasto tra la semplice facciata della chiesa ed il leggiadro campanile che termina a stilo, coronato dall'aerea statua stellata della Vergine.

Chiesa del Rosario e campanile

Chiesa del Rosario e campanile. Foto di F. Rizzi

Al suo interno con pianta ad aula, cupole, volte, colonne policrome, lesene, trabeazioni e leggere loggette sono a coronamento degli affreschi e delle tele che ne arricchiscono le pareti ed il soffitto.

Alla parete di sinistra è appesa una tela del viggiutese Carlo Maria Giudici raffigurante il battesimo di S. Agostino alla presenza di S. Monica mentre a quella di destra, che sino al 1993 recava una pregevole tela del Salviati raffigurante la Deposizione di Cristo (attualmente alla Pinacoteca di Brera), ora reca una tela dallo stesso soggetto ma di autore ignoto e non altrettanto valido quanto il Salviati.

Il soffitto è decorato con affreschi del noto pittore viggiutese Carlo Maria Giudici.

L'altare maggiore, di forme neoclassiche, è coronato dalle pregevoli statue in gesso: a sinistra di Re David ed a destra del Profeta Isaia dello scultore G. Monti di Ravenna.

Foto tratta da: "La Chiesa del Rosario"
6º volume di "Viggiù e la sua storia"
edito dalla Parrocchia nel 1997. Autore non citato.

La chiesa ha avuto importanti opere di restauro tra Ottobre 2009 e Settembre 2010.
A questo link puoi scaricare la brochure degli interventi.




Soffitto della Chiesa del Rosario:


Affreschi di Carlo Maria Giudici


San Domenico.
Affresco situato nella volta della navata.


San Domenico

Foto tratta da: "La Chiesa del Rosario"
6º volume di "Viggiù e la sua storia"
edito dalla Parrocchia nel 1997. Autore non citato.


L'artista, al pari di altri pittori, raffigurò l'episodio di San Domenico nell'atto di ricevere la corona del rosario dalle mani della Vergine Maria.
Inoltre rappresentò sulla sinistra un domenicano con la tromba nella mano destra, la fiammella dello Spirito Santo sul capo, un paio di ali: tali attributi consentono di individuare nel personaggio san Tommaso d'Aquino detto "Doctor Angelicus", che additando san Domenico sembra ricordare "Io fui de li agni de la santa greggia che Domenico mena per cammino..."


Santissima Trinità.
L'affresco è situato nella volta del presbiterio


Santissima Trinità

Foto tratta da: "La Chiesa del Rosario"
6º volume di "Viggiù e la sua storia"
edito dalla Parrocchia nel 1997. Autore non citato.


Nell'affresco vengono raffigurati il Padre sulla destra, il Figlio sulla sinistra (quindi alla destra del Padre) e al centro lo Spirito Santo sotto forma di colomba.


______________________________
Vai alla pagina seguente (Chiesetta di Sant'Elia)



Il testo della 1a parte è di F. Rizzi
- Edit by TaSa-Soft 06-1997 -



hr

Non ci sono commenti a questa pagina

Se vuoi inserire un commento, clicca QUI

hr



La pagina è stata visualizzata 37 volte dal 01-06-2022.