a3) Le vetrate di Aligi Sassu - seguito




Le vetrate della Chiesa Parrocchiale - seguito


L'ultima vetrata della parete sinistra della navata è dedicata a San Giovanni Battista, rappresentato in piedi nel fiume Giordano.
Ha nella destra una sorta di ciotola con cui battezzava i penitenti.

vetrata dedicata a San Giovanni Battista

La vetrata dedicata a San Giovanni Battista

Sulla parete destra della navata centrale, la prima vetrata è dedicata a San Callisto Martire il cui nome è legato alle catacombe romane che portano, appunto, il suo nome.
San Callisto rappresenta tutti i martiri della fede sepolti nelle catacombe.

vetrata dedicata a San Callisto

La vetrata dedicata a San Callisto

La vetrata seguente è dedicata a San Bernardo.
Nel 1050 fondò l'Ospizio del Gran San Bernardo (2469 m. s.l.m.).
La scelta di dedicare questa vetrata al santo valdostano è dovuta all'amicizia che nacque -nel corso dei lavori- tra Aligi Sassu e don Gioacchino Brambilla, parroco di Viggiù.
Entrambi erano appassionati di montagna ed il parroco amava trascorrere le sue vacanze nei territori che furono del santo.
Bernardo viene raffigurato al centro della scena con l'abito azzurro ed il mantello rosso.
Con la mano sinistra benedice e con la destra regge il pastorale (un richiamo forte ai bastoni usati dai pellegrini e dai viandanti, il bordone, che S. Bernardo col suo ospizio intendeva soccorrere). Sullo sfondo il paesaggio valdostano dell'Ospizio del Gran San Bernardo.

vetrata dedicata a San Bernardo

La vetrata dedicata a San Bernardo

Si prosegue con la vetrata è dedicata a San Carlo Borromeo rappresentato all'interno di un edificio ad arcate.
I viggiutesi lo elessero protettore della cittadina contro la peste del 1600 (Vedi "il mal stare di Viggiù").

vetrata dedicata a San Carlo Borromeo

La vetrata dedicata a San Carlo Borromeo

Sulla navata destra altre due vetrate sono dedicate a San Giuseppe e a San Giovanni Bosco.
San Giuseppe è rappresentato nel suo laboratorio di falegname con una mano sulla spalla di Gesù fanciullo.

San Giovanni Bosco è attorniato da fanciulli e chierichetti, un S. Giuseppe moderno.
Lo sfondo richiama le strutture da lui realizzate per accogliere i ragazzi.

vetrata dedicata a San Giovanni Bosco

La vetrata dedicata a San Giovanni Bosco

L'ultima vetrata è dedicata a Sant'Ambrogio, vescovo di Milano.
Rappresenta il santo mentre impone all'Imperatore Teodosio di scendere dal presbiterio e andare tra i fedeli perché, benché ricoprisse la carica di Imperatore, non era, comunque, ministro di Dio.
L'episodio viene ricordato per mostrare il coraggio e l'indipendenza del vescovo nei confronti dell'autorità politica.

vetrata dedicata a Sant'Ambrogio

La vetrata dedicata a Sant'Ambrogio

Il ciclo delle vetrate si chiude con la rappresentazione dello Spirito Santo, la classica colomba, con sullo sfondo il sole, simile a quello già raffigurato nella vetrata di Santa Maria Goretti.
Il sole, d'altra parte, è l'emblema di Dio Creatore.

vetrata dedicata allo Spirito Santo

La vetrata dedicata allo Spirito Santo



______________________________
Vai alla pagina seguente (Chiesa di San Martino)



- Edit by TaSa 05-2020 -



hr

Non ci sono commenti a questa pagina

Se vuoi inserire un commento, clicca QUI

hr



La pagina è stata visualizzata 78 volte dal 01-06-2022.