Logo
  I Blogs di Viggiù in Rete      
             
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 2
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Versioni

Conta Click
pagina vista
1209697 volte

Visite dal 1-1-05

FastCounter

 
Numera (Mari)Stellas, Si Potes Autore: arslongavitabrevis

Guardare A Destra Per Trovare La Sinistra
Inserito il 14 maggio 2010 alle 03:38:42 da arslongavitabrevis. Su Numera (Mari)Stellas, Si Potes. Categoria Di tutto un po'

Se per riuscire a sentire cose del genere mi ritrovo sul sito del web megazine della fondazione "Fare Futuro", c'è oggettivamente qualcosa che non quadra:

"Dire la verità al potere. Incalzare la politica, mettendone a nudo le contraddizioni e le zone d’ombra. Difendere sempre la libertà d’espressione. Esercitare il proprio diritto di critica rifuggendo le trappole dell’ideologia e tenendo conto delle ragioni degli avversari. Dare voce a chi non la possiede. Argomentare in modo razionale le proprie opinioni senza lasciarsi condizionare dalle passioni e preferenze personali. Animare il dibattito pubblico in modo civile e responsabile.

Questo è ciò che dovrebbero fare gli intellettuali in una società democratica e pluralista. Ma nella pratica le cose vanno diversamente. Gli intellettuali, infatti, spesso utilizzano poco e male la libertà di cui dispongono. Anche quando non mancano di coraggio personale o di originalità, sovente peccano di vanagloria e supponenza. Si proclamano indipendenti, ma volentieri si fanno prendere dalle lusinghe del potere e del successo mondano. Quanto al loro spirito critico, in molti casi si risolve in un esercizio fine a se stesso, in una forma di sterile esibizionismo. Senza contare, infine, la loro tendenza a considerarsi scevri da ogni responsabilità per le parole e le idee che immettono nella società.

Gli uomini politici, dal canto loro, anche quando si ergono a paladini della libertà e della tolleranza, non amano essere messi in discussione e mal sopportano le critiche. Una volta conquistato il comando attraverso il voto popolare finiscono per considerarsi degli intoccabili. Si circondano di adulatori e guardano con sospetto chiunque avanzi riserve, per quanto argomentate e ragionevoli, sul loro operato. Agli intellettuali essi non chiedono suggerimenti o consigli, ma sostegno pubblico e lealtà alla causa.

Il cattivo o problematico rapporto tra potere e cultura, così sommariamente descritto, appartiene con ogni probabilità a tutte le epoche storiche. Ma l’Italia odierna ne offre certamente un esempio da manuale, al limite del parossismo.

Da un lato abbiamo un mondo culturale, in tutte le sue espressioni, che con parole accorate denuncia come incipiente la fine della libertà e della democrazia e si atteggia a vittima di un potere, quello berlusconiano, sempre più oppressivo e invadente. Ma non c’è nessuno che si chieda se per caso la crescente irrilevanza sociale del ceto dei colti dipenda anche dalle cattive prove di sé che esso ha dato nel passato, dagli eccessi di faziosità ideologica che ancora oggi lo caratterizzano, dal fatto che gli intellettuali spesso agiscono sulla scena pubblica alla stregua di una corporazione di privilegiati mai soddisfatti di come va il mondo e sempre alla ricerca di cavilli per denunciare il prossimo.

Dall’altro abbiamo invece una maggioranza politica di centrodestra che, in forza di atavici complessi di inferiorità o per semplice risentimento, si perde ancora in polemiche vacue su una egemonia culturale della sinistra che semplicemente non esiste più. Autorevoli esponenti di governo che – nel nome del popolo, considerato come l’unico deposito di virtù morali e di saggezza – dicono di odiare gli intellettuali o che, nella migliore delle ipotesi, li considerano dei fannulloni e dei vanesi. Un Presidente del Consiglio che considera ogni critica a lui rivolta un attacco al buon nome dell’Italia dettato da chissà quali oscuri interessi. Un partito, il primo in Italia, che nel nome della libertà tende a soffocare il dissenso nelle sue fila.

Il risultato è uno spaventoso cortocircuito, che nega al tempo stesso l’autonomia della politica e l’indipendenza del pensiero. La politica oggi al potere, ridotta a “parole senza idee”, si compiace di presentarsi pragmatica e fattiva, estranea o indifferente a qualunque elaborazione culturale. Gli intellettuali che a quel potere si contrappongono inclinano sempre più al piagnisteo e al settarismo, dando spesso l’impressione di partecipare a una contesa politica non a una fisiologica battaglia delle idee. In entrambi i casi si è assai lontani da una concezione autenticamente liberale della politica e della cultura, che pure a parole tutti dicono di voler difendere." Alessandro Campi, direttore scientifico della fondazione Fare Futuro.Articolo pubblicato su "Repubblica" il 13 maggio 2010

ArsLongaVitaBrevis:"La sinistra di per sé è un male. Soltanto l'esistenza della destra rende questo male sopportabile"Massimo D'Alema



Commenti : 0 | Letto : 14844

Menu Blog
Home Blog
Contatta l'autore
Tutti i Blogs

Archivio Blog
Agosto 2013
Novembre 2012
Luglio 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Gennaio 2011
Novembre 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Gennaio 2010
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007

Statistiche Blog
Accessi al Blog: 244229
Blog-Articoli: 72
Commenti: 0

Copyright Blogs
Attenzione: Responsabilità e Proprietà Intellettuale del contenuto dei Blogs e dei 'Commenti' appartengono ai singoli autori.
BITBlogs ver. 2.0 © 2006 Anime4You.it Powered By: Guyver - www.anime4you.it

 
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Eventi
<
Maggio
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 -- -- -- --




I preferiti del WM
Sito Scuole Viggiù (3284)
TerraPatria (2407)
'O Presebbio (2246)

Mailing List di ViR
Clicca qui per iscriverti alla Mailing List di Viggiù in Rete
Clicca qui per iscriverti alla Mailing List di Viggiù in Rete

 
 ï¿½ tasa-soft 
Scrivi al WebMaster
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.5 derivato da ASP-Nuke v1.2
Questa pagina è stata eseguita in 2,40625secondi.
Versione stampabile Versione stampabile